BLOG

Proprietà del dragonfruit per la pelle

La pianta della Pitaya, o regina della notte, appartiene alla famiglia delle Cactacee e produce un frutto lungo fino a 12 cm dal colore che varia dal rosa intenso al rosso.

La polpa interna è costituita da una massa generalmente di colore bianco o rosso, e piena di piccolissimi semi neri. Originaria di Messico, Guatemala e Costa Rica, questa pianta è stata successivamente introdotta in America Centrale e nel resto del mondo. È una pianta arrampicante e utilizza come sostegno alcuni alberi vicini, riuscendo a raggiungere anche i dieci metri di altezza.

I suoi fiori subiscono una curiosa fecondazione infatti, fiorendo durante la notte, ad occuparsi della sua impollinazione sono falene e pipistrelli. Il frutto del drago è considerato un vero e proprio Superfood in quanto ricchissimo di vitamine (C, B1, B2, B3) e minerali come il calcio, il ferro, il magnesio e il fosforo. Contiene inoltre molte fibre favorevoli per il corretto funzionamento dell’apparato digerente. Questo frutto ha anche interessantissime applicazioni in ambito cosmetico. La vitamina C contenuta in esso, ha forti proprietà antiossidanti ed è un validissimo aiuto nel contrastare l’acne mentre la vitamina B3 è perfetta per trattare le scottature solari.

I polifenoli contenuti nel dragon fruit aiutano a contrastare i segni dell’invecchiamento cutaneo, regalando un aspetto più giovane e disteso. Contenendo l’80% di acqua è un frutto estremamente idratante e contribuisce a donare alla pelle un aspetto molto più luminoso.

Un’assunzione regolare di Pitaya ci aiuterà a sentirci più in forma e farlo è davvero semplice, basta aggiungerla in pezzi nella macedonia o unirla ai frullati.

condividi questo articolo

leggi altri articoli